30 ottobre 20

Musica

Romanticismo e Passione

8 ott , 2020  

RINVIATO  A  DATA DA DESTINARSI

data cancellata Venerdì 30 Ottobre 2020

nuovo auditorium, centro Beato Enrico, Biancade

Dejan Bogdanovic violino

Gabriele Maria Vianello Mirabello pianoforte

concerto “Romanticismo e Passione”

Musiche di Strauss, Wieniawski, Gliére e Dohnányi.

Dejan Bogdanovich è nato in una famiglia di noti artisti; suo nonno, famoso scultore belgradese, si era diplomato presso lʼAccademia di Belle Arti di Parigi e lì aveva conosciuto Picasso col quale aveva stabilito una lunga e profonda amicizia. Suo padre è un noto pittore e scrittore.
Dejan ha cominciato i suoi studi presso lʼaccademia dʼarte dellʼUniversità di Novi Sad, uno dei più prestigiosi centri culturali dellʼex Jugoslavia (Vojvodina), e si è esibito nel suo primo concerto allʼetà di 10 anni. Successivamente ha frequentato la SZMT (Scuola per Bambini Particolarmente Dotati), unica nel suo genere, e in quel periodo ha vinto molte volte il “Premio Nazionale per giovani violinisti”. A soli 17 anni ha eseguito il concerto n°1 di N. Paganini e il concerto di F. Mendelssohn in mi minore con lʼorchestra Filarmonica di Dubrovnik. Da quel momento ha suonato come solista con diverse orchestre sinfoniche e da camera a Vienna, Praga, Venezia, Mosca, Barcellona, Montreal, Odessa, Zagabria, Roma, Belgrado, Sarajevo, Kuhmo, per citare solo alcuni centri. A 19 anni è stato “Laureat” al Concorso Internazionale di Vienna dove tra l’altro ha vinto il premio speciale per l’esecuzione del concerto di Mozart n°5.
Nel 1987 ha vinto il primo premio assoluto al Concorso Nazionale Jugoslavo per gli Artisti, premio che è stato conferito solo a tre violinisti negli ultimi 50 anni e che in seguito alla trasformazione avvenuta allʼex Jugoslavia non è stato più assegnato. Allʼetà di 21 anni è diventato il più giovane docente universitario dellʼUniversità di Novi Sad (Accademia dʼarte).
Si è specializzato al Conservatorio “P.I. Tchaikovsky” di Mosca sotto la guida del violinista di fama mondiale Viktor Tretiakov che di Dejan, allora ventiduenne, ha detto: “Dejan è un musicista estremamente raffinato e artisticamente completo grazie allʼoriginalità e ricchezza delle sue idee musicali e allʼassoluto controllo di qualsiasi periodo musicale. La sua profonda visione creativa mi trasmette sempre qualcosa di nuovo. […] Dejan è senza dubbio la promessa del nuovo violinismo”.
È stato ospite di diversi Festival internazionali tra i quali il Kuhmo International Chamber Festival (Finlandia), il Dubrovnik Summer Festival, il Portogruaro Musica Festival (Italia), il “Casals” Music Festival (Francia), il Festival di Roma “Ciril e Metodie”, Gustav Mahler Festival, Pey de Gex (Francia) e ha effettuato registrazioni per emittenti radiotelevisive in Austria, Francia, Italia, Jugoslavia, Canada, Finlandia, Spagna e Russia. Recentemente (Marzo 2005, Sala Regina Elisabetta-Bruxelles) ha registrato, per l’Harp&CO, la Sinfonia Concertante K. 364 di W.A. Mozart con il famoso violista francese P.H. Xuereb e l’orchestra da camera di Bruxelles.
Ha tenuto numerosi concerti in duo con pianoforte in Canada, URSS (Gran Turnée nel 1985), Ungheria, Repubblica Ceca, Finlandia, Francia, Italia, Spagna, Austria e Germania. La sua grande attenzione per la musica da camera lo ha portato a suonare insieme a musicisti come V. Mendelssohn, A. Libermann, D. Asciola, J. Gandelsmann, L. Pogorelich, T.  Zehetmair, B. Greenhouse, M. Kugel, M. Flaksman, K. Bogino, A. Balakerskaja, P.H. Xuereb  e altri.
È stato direttore artistico negli anni 2000 e 2001 della stagione concertistica “Camera della musica” di Forlì e in questa veste ha riscosso un notevole successo di pubblico e una grande attenzione dei media. Nel dicembre del 2002, suonando al contempo come violino solista, ha diretto presso il Teatro Rossini lʼorchestra sinfonica di Pesaro nel concerto per violino e orchestra di Richard Strauss.
Da diversi anni alterna lʼattività di solista alla strettissima collaborazione con il noto pianista Gabriele Maria Vianello con il quale si è esibito in moltissimi concerti in Europa e in Italia. La loro attività è ricca di appuntamenti e tra gli ultimi ricordiamo il concerto al Festival di Feldkirch in Austria, il concerto al Festival di Cervo, lʼimportante festival internazionale fondato da Sándor Végh, che ormai da più di 40 anni ospita i più insigni nomi della musica classica.
Per molti anni il maestro Bogdanovic ha collaborato con la famosa pedagoga russa Zianida Gilels, fino alla prematura morte della Maestra.
Dejan affianca l’attività di concertista allʼinsegnamento, impegnandosi in numerosissimi corsi di alto perfezionamento. In passato ha infatti tenuto numerosi corsi in Italia a Bolzano, Siracusa, La Spezia, Padova, Portogruaro, Trieste, Salerno, Napoli, Valdarno (Firenze) e Pesaro e tra i suoi allievi si annoverano vincitori di numerosi concorsi e affermati musicisti.

,


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *